Dopo l'Accordo Tra 9 Costruttori per L'Idrogeno Al Via in Germania H2 Mobility

Azienda e istituzioni insieme per rifornire i veicoli a fuel cell

A conferma della vision dell'idrogeno come carburante del futuro, Daimler AG, Ford Motor Company, General Motors Corporation/Opel, Honda Motor Co., Ltd., Hyundai Motor Company, Kia Motors Corporation, die Allianz Renault SA, Nissan Motor Corporation e Toyota Motor Corporation, hanno sottoscritto un accordo di intesa per lo sviluppo e produzione in serie di vetture elettriche a celle a combustibile. Visto il notevole know-how di queste aziende nell'ambito delle fuel cell, l'obiettivo emissioni zero è sempre più vicino.

I termini della dichiarazione d’intenti determinano che a partire dal 2015 sarà possibile introdurre sul mercato a livello mondiale un numero rilevante di vetture, stimato ad alcune centinaia di migliaia. Le strategie di produzione, introduzione sul mercato e pianificazione delle scadenze verranno stabilite da ogni singolo costruttore, di conseguenza non è esclusa la commercializzazione prima della data prevista.

Affinché le auto a celle a combustibile siano accolte dal mercato è tuttavia necessaria la creazione di una capillare rete di distributori di idrogeno, da rendere operativa entro il 2015. La Germania, visti i passi da gigante degli ultimi anni sul fronte idrogeno, è stata scelta come come mercato pilota della mobilità a zero emissioni, per poi creare sulle basi del modello tedesco una rete di distribuzione dell'idrogeno in altri Paesi, includendo Stati Uniti, Giappone e Corea come ulteriori mercati strategici.

E infatti in Germania è partito il progetto "H2 Mobility": a Berlino alla presenza del Ministro Federale dei Trasporti, delle Costruzioni e dello Sviluppo Urbano Wolfgang Tiefenseei i partner dell'iniziativa "H2 Mobilty" quali Daimler, EnBW, Linde, OMV, Shell, Total, Vattenfall e NOW GmbH hanno siglato un accordo: lo scopo è realizzare un'infrastruttura per il rifornimento di idrogeno. La possibilità di adesione è tuttavia estesa ad eventuali altre aziende interessate.

L'accordo sottoscritto prevede due fasi. La Fase I sarà dedicata oltre alle infrastruttura anche allo sviluppo di una filosofia commerciale comune che possa contare anche sul sostegno da parte di enti pubblici.

Se la fase concettuale darà esito positivo per tutti i partecipanti, nella Fase II verrà stabilito un relativo piano di azione. L'obiettivo sarà quello di completare la realizzazione della rete di stazioni di servizio per supportare, anche con le relative infrastrutture, la prevista commercializzazione dei veicoli elettrici con trazione a celle combustibili, che in Germania avrà luogo a partire dal 2015.

Wolfgang Tiefensee, Ministro dei Trasporti, delle Costruzioni e dello Sviluppo Urbano ha sottolineato come "Dopo più di 100 anni di motori a combustione e di predominio di fonti energetiche derivanti dal petrolio, ci troviamo di fronte ad una svolta tecnologica per il settore dei trasporti. La Germania, con il suo elevato potenziale innovativo, dovrà diventare leader di mercato per quanto riguarda le nuove tecnologie di trazione, in modo da garantirsi e crearsi nuove opportunità di crescita sui mercati del futuro. Nostro obiettivo primario è dunque quello di promuovere ulteriormente la mobilità elettrica a batterie e a celle combustibili. Oggi la Germania è chiaramente all'avanguardia per quanto concerne le tecnologie ad idrogeno e delle celle combustibili. Ecco perché puntiamo alla realizzazione di una rete di distribuzione di idrogeno che abbracci il più possibile il territorio nazionale tedesco, al fine di consentire che la produzione in serie di veicoli a celle combustibili prevista per il 2015 diventi realtà."

Portavoce delle specifiche esigenze del settore automotive, Dr. Dieter Zetsche, CEO di Daimler AG e Responsabile di Mercedes-Benz Cars:
"L'unica emissione delle auto a celle combustibili è il vapore acqueo. È una buona soluzione sia per salvaguardia della salute delle persone che per la tutela dell'ambiente, e proprio per questo motivo desideriamo promuovere l'introduzione di questa tecnologia sul mercato nel minor tempo possibile. La tecnologia a celle combustibili verrà però utilizzata su vasta scala sulle nostre strade solo quando sarà possibile effettuare regolarmente il rifornimento di idrogeno: per questo motivo ci avvaliamo del sostegno di imprese del settore minerario, di fornitura energetica oltre che di realtà politiche per la costruzione delle necessarie infrastrutture."


Tags: idrogeno , zero emissioni , celle a combustibile , Ford , Renault , General Motors , infrastrutture , compagnie energetiche , Opel , istituzioni , Germania , Nissan , Honda , Kia , Hyundai , Daimler

Autore: Giuseppe Gandolfi

 

Segnala l'articolo:                         

Giudica l'articolo:

Lascia un commento

Aggiungi il commento