SALONE DI FRANCOFORTE : IL GINGER SALE A BORDO

Segway e GM hanno messo a punto un sistema integrato di mobilità sostenibile

Fotogallery In omaggio alla propulsione elettrica di Flextreme, sul veicolo esposto a Francoforte il vano di carico adotta un particolare sistema FlexLoad® per ospitare due veicoli elettrici: i Segway® Personal Transporters (PTs)1 (conosciuti anche come "ginger") , opportunamente modificati per essere trasportati a bordo del prototipo Opel (i manubri sono ripiegabili telescopicamente e staccabili). Nel vano FlexLoad® ci sono anche due basi di attacco integrate per ricaricare le batterie dei Segway PTs con quelle di Flextreme.

«Con questo veicolo General Motors e Segway ridefiniscono i concetti di trasporto personale e di mobilità urbana» dice James Norrod, presidente ed amministratore delegato di Segway. «A nostro avviso, la gente ha oggi un’enorme occasione per scegliere nuovi mezzi di trasporto che possono aiutarla a limitare le proprie tracce di carbonio. Soluzioni come questi puliti prototipi elettrici, sono un passo importante in questa direzione».

Uno degli obiettivi della piattaforma E-Flex è quello di costruire un’automobile elettrica che, grazie alla presenza di un generatore di energia integrato, possa contare su un’autonomia operativa molto superiore. Gli utenti di Flextreme possono così contare sui due Segway per proseguire il proprio percorso, per esempio per raggiungere un centro urbano interdetto alle automobili. Con le batterie cariche, i Segway permettono di percorrere fino a 38 chilometri premendo semplicemente un pulsante.






Tags: auto elettrica , Segway

Autore: GIUSEPPE GANDOLFI

 

Segnala l'articolo:                         

Giudica l'articolo:

Lascia un commento

Aggiungi il commento